SONY DSC

Ricetta emozionante, il nome gli è stato dato
da mio cugino che non appena l’ha visto l’ha chiamato il
cappellone.
Si tratta di un primo piatto
veramente gustoso, un timballo a base di ziti
con un ripieno di ragù di salsiccia, piselli
e scamorza.
Ricetta da provare soprattutto quando si hanno ospiti,
perchè scenograficamente d’effetto.

Vino consigliato:
Lacryma Christi Bianco “Vigna Vulcano” Villa Dora 2011,
un bianco campano, vibrante e armonico,
con una piacevole persistenza minerale.

E ora…ACCENDIAMO I FUOCHI!

INGREDIENTI:

-350g di ziti lunghi

-200g di scamorza affumicata

-250g di salsiccia

-150g di pisellini primavera

-800g di passata di pomodoro

-2 uova

-1 cipolla

-Vino bianco qb

-Parmigiano grattugiato qb

-Pangrattato qb

– Burro qb

-Olio evo

Sale e pepe qb

INDOSSATE IL GREMBIULE, LAVATEVI LE MANI, INIZIAMO|

Lessate gli ziti in acqua salata e con un cucchiaio di olio,
scolateli parecchio al dente
e disponeteli su un canovaccio umido senza sovrapporli.
In una casseruola fate appassire la cipolla grattugiata (trucco che mi ha insegnato mia suocera),
la cipolla diventerà come una crema,
sarà molto più digeribile.
Aggiungete ora la salsiccia sgranata,
non appena sarà rosolata, sfumate
con il vino bianco,
unite i pomodori e fate cuocere per almeno un’ora e mezzo.
A 5 minuti dal termine aggiungete i pisellini.
Regolate di sale e pepe, lasciate raffreddare.
Passiamo alla costruzione del cappellone:
bagnate gli ziti con le uova precedentemente
sbattute con sale e un goccino d’acqua.
Imburrate uno stampo e cospargetelo di pangrattato, rivestitelo solo
sul fondo con un disco di carta da forno.
Ora iniziate a formare una spirale,
partendo dal centro per arrivare a foderare l’intero stampo con gli ziti,
fate attenzione a farli aderire perfettamente allo stampo.
Spezzate ora gli ziti rimasti in 3-4 pezzi, conditeli con metà ragù,
Aggiungete la scamorza e un paio di cucchiai di parmigiano,
versate gli ziti nello stampo fino al completo riempimento,
Spolverizzate con il pangrattato e qualche fiocchetto di burro
infornate a 190° per circa20-25 minuti.
Lasciatelo riposare per una decina di minuti ,
sformarlo  e servitelo con il ragù a parte.

SONY DSC

Et voilà…il cappellone è servito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...